Perché i tatuaggi rimangono sulla pelle?

Warum bleiben Tattoos in der Haut?

TM Blog-Warum-Stay-tatuaos-in-Der-Skin TM Blog-Warum-Stay-tatuaos-in-Der-Skin TM Blog-Warum-Stay-tatuaos-in-Der-Skin

Le cellule alimentari e il colore: perché i tatuaggi rimangono nella pelle

Tieni premuto e mantieni i tatuaggi, a volte più lunghi di quanto il vettore ama. Man mano che si verifica la longevità, i ricercatori hanno ora scoperto le cerniere del topo tatuate. La conoscenza potrebbe aiutare con la distanza.


Causa della durata dei tatuaggi chiariti

Si presumeva da tempo che il colore dell'inchiostro è così chiamato cellule di fibroblasti nella pelle. Risultati recenti hanno sottolineato che i pigmenti non ci sono, ma all'interno dei macrofagi. Queste cellule alimentari del sistema immunitario si affrettano come i primi aiuti sulla scena quando batteri o altri corpi estranei appaiono nella pelle dopo una lesione. Le molecole di colore che vengono cacciate nella pelle dall'ago del tatuaggio sono tali intrusi e inghiottiti. I macrofagi dovrebbero essere particolarmente durevoli, i ricercatori sospettati. Perché con la sua morte il colore registrato scompare.

La squadra attorno a Sandrine Henri e Bernard Malissen del centro immunologico Marsiglia-Luminy ora tatuato con code di topo con inchiostro verde per esami dettagliati. Si è scoperto che le cellule alimentari erano in realtà l'unica specie cellulare che prendeva il colore del tatuaggio. Una sensazione provoca ulteriori conoscenze: le cellule alimentari muoiono, il pigmento viene rilasciato, ma a poche settimane dai nuovi macrofagi deglutiti di nuovo nel punto prima che possano essere rimossi. Non è la longevità delle cellule, ma la registrazione rinnovata è quindi la causa della durata dei tatuaggi.

I risultati aiutano a distanza

I ricercatori possono quindi sospettare che la rimozione delle immagini del corpo possa essere semplificata con un interruttore temporaneo delle cellule di alimentazione nella pelle.
"Di conseguenza, le particelle, che sono rotte dal laser, non sarebbero di nuovo immediatamente assorbite, il che aumenta la probabilità di portarle via sui vasi linfatici", spiega Malissen. "È un'informazione ragionevole, solida e testata per la prima volta. Hai visto prima che funzioni", afferma l'esperto di tatuaggi Mark Benecke, presidente della Pro Tattoo Association e noto biologo penale, a cui nella "Journal di medicina sperimentale "analisi presentata. In linea di principio, la rimozione dei tatuaggi non ha agito secondo la biologia, spiega il dermatologo Klaus Hoffmann, capo del Center for Laser Medicine presso la Clinica University Bochum. I laser distruggono i pigmenti a colori, il corpo li trasporta.

"Se immaginiamo il colore come una tazza, ci colpiamo il martello e li distruggiamo. Ma in quale armadio questa tazza è rimasta e cosa succede esattamente con le schegge, non lo sappiamo. E questo mostra questo studio", Hoffmann dice. Per rimuovere un tatuaggio, sono attualmente necessari diversi trattamenti tra i quali devono essere almeno quattro settimane o anche più a lungo, mentre il colore sta lentamente svanendo. Le particelle finiscono nei linfonodi, passano il fegato, la milza e il rene e vengono rilasciate sopra l'urina.

Se riesci a rimuovere un tatuaggio su larga scala dalla parte posteriore, qualche giorno dopo, l'urina può tingere la buia. Tuttavia, la distanza non riesce spesso: tracce, ombre o residui di vernice rimangono, specialmente con tatuaggi colorati.

Ogni opzione di trattamento deve essere visualizzata in modo critico

"Devi considerare che non vogliamo distribuire ogni pigmento attraverso il sistema linfatico nel corpo", afferma Gerd Kautz, presidente della Società Dermatologica tedesca Dermatologica. Le conseguenze dei colori rischiosi potrebbero estendersi al cancro. "Pertanto, ogni nuova opzione di trattamento deve essere visualizzata in modo molto critico e scientificamente elaborato."

I cosiddetti colori Azo, che contengono componenti cancerogeni, ora sono quasi scomparsi dal mercato, afferma l'esperto di tatuaggi Benecke. In migliaia di casi distanti, lui e i suoi colleghi avrebbero visto quasi nessun problema. "Non vediamo cose preoccupanti con il tatuato né dopo il laser", afferma il dottor Laser Hoffmann. Sebbene sempre più persone possano essere tatuate e il tatuaggio è arrivato come una moda nella società, Benecke si attacca a un'idea di base dell'arte della pelle: "Sono contro la distanza", dice, anche dalla testa ai piedi con numerosi tatuaggi.